E finalmente creperò: spero di andare anche all'Inferno sì, ma dove non ci sia più

né inchiostro, né penna, né calamaio. Nell'Inferno credo che sarò condannato a leggere

le mie opere. "On scherz de preet" come si dice a Milano.