UN FULMINE SUL 220

Milano, Cento amici del libro, 1994, 74 pagine, 31 cm, con 30 acqueforti di Franco Rognoni, a cura di Dante Isella. Edizione di 130 esemplari numerati 1-100, I-XXX.

UN FULMINE SUL 220

Milano, Garzanti, 2000 ("Narratori moderni"), 324 pagine, 21 cm, a cura di Dante Isella.


INDICE   |       INCIPIT   |       TRAMA   |       PERSONAGGI


Novella inedita del 1931 (poi interrotta), da cui nascerà L'Adalgisa.


Risvolto di copertina (Garzanti 2000)

Più volte, negli ultimi vent'anni, nuove acquisizioni hanno portato a ripercorrere e a ridisegnare quella che Dante Isella chiama «la cartografia del continente Gadda». Da queste rivisitazioni è emersa, con evidenza sempre maggiore, la costante, certissima tensione di Gadda al romanzo come forma elettiva, anche se mai pienamente compiuta.

Un fulmine sul 220, progettato nel 1931 come novella, divenuto racconto lungo, poi romanzo in cinque capitoli, e infine abbandonato, ci testimonia l'inizio del percorso da cui nasceranno i Disegni milanesi dell'Adalgisa.

[...] Personaggio emozionale e trabordante, che offre a Gadda un «punto di vista» funzionale ai suoi risentimenti autobiografici, Adalgisa rompe l'equilibrio costruttivo del Fulmine e si pone prepotentemente in primo piano. Gadda abbandonerà in suo favore il progetto originario, rinunciando a terminare il romanzo.