I racconti

TRAMA

San Giorgio in casa Brocchi
1928. La famiglia Brocchi, tipica rappresentante della nobiltà conservatrice milanese, attende con trepidazione la stampa del saggio di etica dello zio Agamennone in occasione del diciannovesimo compleanno del nipote Gigi. «Scrivendo quel libro, il conte [...] non aveva pensato ad altro che al suo Gigi, [...] che doveva perpetuare nel mondo scompaginato da tanta demenza!, da tanto delirio!, da così insano furore!, il nome e le virtù [...] dei Brocchi.» Ma le attenzioni di Gigi, più che al saggio di etica, saranno rivolte alla giovane e bella cameriera Jole.

 

L'incendio di via Keplero
Dettagliata cronaca della fuga degli inquilini da uno stabile in fiamme a Milano.

Una visita medica
Il dottor Higueróa raccoglie lo sfogo di don Gonzalo, che lamenta l'eccessiva generosità della madre nei confronti del prossimo, la fame e il freddo che egli ha patito nell'infanzia e l'impossibilità di condividere esclusivamente con la madre la sua casa.

La mamma
Una madre, oppressa dalla solitudine, vagando per la casa pensa con dolcezza ai suoi due figli: il maggiore Gonzalo e il minore caduto in guerra.

Una buona nutrizione
Elena è amica di Lisa, fidanzata con Claudio. Elena prova inoltre ammirazione per la pittrice Violante, esperta nell'«arte [...] del saper affascinare gli uomini». Elena scopre che Claudio, dopo le cene a casa della fidanzata Lisa, all'insaputa di tutti si reca da Violante.

La domenica
Un ingegnere si reca alla stazione ferroviaria per essere, l'indomani, sul posto di lavoro. Il tragitto verso la stazione e un incontro nel vagone gli ricordano la rovina della sua famiglia e la vendita forzata di tutti i possedimenti da parte di suo padre.

Socer generque
Il capitano Delacroix, militare in congedo, è ospite della pensione Maghelli-Pelucca. Le sue giornate e le sue frequentazioni alla pensione subiscono cambiamenti in seguito all'autarchia imposta da Mussolini, all'entrata in guerra dell'Italia e alla campagna di Grecia.

La sposa di campagna
Nella campagna toscana, l'avvocato Gonzalo fatica a trovare cibo e alloggio per i razionamenti dovuti alla guerra. Troverà ciò che cerca dalla tabaccaia Marianna, ma solo dopo aver palesato la sua condizione di celibe.

Accoppiamenti giudiziosi
Vedovo e senza figli, ossessionato dall'idea della dispersione del patrimonio alla sua morte, il ricchissimo Beniamino Venarvaghi impone all'erede pronipote Giuseppe il matrimonio con Adelaide Carpioni, non possedendo Giuseppe «alcuna delle qualità dell'animo e doti d'intelletto che servono a buscar denaro e denaruccio, ma di andare viceversa adorno di tutte quell'altre che così egregiamente servono a spenderlo, anzi a profonderlo».
Tra vizi di forma e di sostanza, si rivela però complicata la stesura di un testamento che impedisca al patrimonio di disperdersi «quale spuma evaporata dalle Marmore, nelle divisioni e suddivisioni e sminuzzolamenti infiniti, lungo tutto un ribollimento di cascatelle successorie». Tanto più se il pronipote Giuseppe è il presunto padre del figlio di Clelia de' Marineri, in arte Loulou des Roses.