EROS E PRIAPO. DA FURORE A CENERE

Milano, Garzanti, 1967 ("Romanzi moderni"), 212 pagine, 20 cm.

EROS E PRIAPO

Milano, Adelphi, 2016 ("Biblioteca Adelphi"), 451 pagine, 22 cm, a cura di Paola Italia e Giorgio Pinotti.

Edizione con versione originale ricavata dall'autografo.



Libello antimussoliniano. Fu pubblicato in parte, la prima volta, con il titolo Il libro delle furie, nel 1955-1956, in quattro numeri della rivista "Officina". L'edizione Adelphi (2016) è ricavata dall'autografo.


Da Eros e Priapo sono stati tratti adattamenti teatrali.


Risvolto di copertina
[...] Si tratta di un saggio storico sul fascismo? Anche. Forse sarebbe meglio dirlo un saggio sulla psicologia e la fisiologia che permise vent'anni di dittatura fascista. Comunque, non è un libro facile a definirsi, ma non ostico come un saggio tout court. Bastano gli aneddoti che vi s'incontrano a ogni pagina, per rendersene conto.
[...] Con tutto ciò Eros e Priapo è anche un libro in cui è versato lo sdegno di un animo ferito, straziato dalla stupidità umana elevata a sistema di governo. Ma non è soltanto la furia contro la inettitudine fascistica a spingere Gadda alla costruzione di uno dei suoi più strabilianti edifici lessicali e sintattici. È anche la pietà: pietà per i colpevoli, e per i coinvolti nolenti. [...]